Investimento immobiliare alle Canarie: perché conviene

opportunità invetimento immobiliare alle canarie

Oggigiorno un investitore di medio reddito si trova di fronte a una foresta di proposte, tanti dubbi e poche incertezze, sia per il flusso costante di informazioni, più o meno mediate dal web, sia per la prudenza di investire che blocca per lungo tempo chi ne avrebbe voglia.

Certamente, benché a tutti piaccia poter vivere grazie alla rendita di un investimento, risulta evidente come questa sia una scelta da compiere dopo una serie di valutazioni in tutta calma e sicurezza.

Abbiamo studiato approfonditamente la situazione, ponendoci con la stessa attenzione di un ipotetico investitore ed abbiamo concluso che investire alle Canarie sia conveniente, o perlomeno una garanzia.

 

 

Perché Canarie?

 

Anzitutto perché scegliere le Canarie e non un altro qualsiasi luogo del mondo. In primo luogo si parli di numeri, soltanto nell’anno appena passato le isole Canarie sono state visitate da più di 40 milioni di turisti.

Se tali numeri non bastassero a rassicurare sulla appetibilità di tale meta, saranno le spiagge stesse, il mare, l’atmosfera che si respira a convincere tanto chi investe per viverci (magari per passare una pensione dignitosa) quanto chi vuole intercettare quei traffici umani ingenti come fonte di guadagno.

Ovviamente un discorso simile, e troppo generico, potrebbe essere applicato a qualunque altro luogo esotico, per questo ci sono altre ragioni estremamente convenienti per scegliere Canarie.

Sebbene l’Egitto o la Tunisia (tanto per fare dei nomi) offrano meraviglie non meno allettanti per i turisti, per un investitore prudente è sempre buona norma far fruttare i propri guadagni in nazioni politicamente stabili, in buon rapporti con gli stati confinanti e soprattutto economicamente affidabili.

Le Canarie, facendo parte dell’unione europea, offrono delle garanzie che ad un possibile investitore risulteranno decisive. Non è un caso che ci sia un aumento esponenziale di investitori provenienti da Russia e Cina proprio sugli immobili.

Altro punto a favore è quello legato direttamente alle politiche fiscali interne: il REF; Tale “Regime economico e fiscale” risulta tutt’ora estremamente conveniente per la gestione di immobili su cui si investe o si è investito.

 

 

Conti alla mano, perché conviene?

 

Oltre alle premesse fatte è doveroso sottolineare il fatto che comprare oggi alle Canarie sia estremamente conveniente proprio per la fase storica che si sta vivendo.

Con oltre duemila appartamenti in vendita a testimonianza di un mercato immobiliare estremamente attivo (in Spagna in generale e nell’arcipelago in particolare), negli ultimi anni sono stati costruiti numerosi stabili ed immobili di vario tipo.

L’ondata di crisi economica che ha travolto anche la Spagna ha fatto si che molte di queste costruzioni fossero rimaste invendute e che i prezzi di vendita attuali siano estremamente più bassi rispetto a molte altre mete europee ma soprattutto orientali.

La possibilità di trovare un bilocale a 50000 euro non è assolutamente da escludere (pur tenendo conto della zona in cui si investe).

Con un investimento che va dai 90000 euro ai 140000 si possono ottenere anche rendimenti pari al 15% annuo della somma investita.

 

Affidarsi ad un agenzia

 

investimento immobiliare gran canariaAltro motivo di convenienza legato agli investimenti nell’arcipelago delle Canarie è legato alla presenza importante di agenzie immobiliari che permettono di facilitare la gestione degli investimenti da lontano.

In primo luogo le agenzie spesso propongono, a prezzi estremamente bassi, vecchi immobili da restaurare; un investimento sicuramente intelligente e più economico.

Inoltre queste permettono di gestire i prezzi dell’affitto in modo più fruttuoso, anche in quei periodi dell’anno in cui il mercato risulta meno saturo ed in cui gli affittuari “a nero” del posto tendono a prendersi una parte considerevole del mercato.

Ma il motivo più importante per affidarsi ad un’agenzia è legato alla prudenza, la conoscenza delle leggi e della burocrazia locale ed altro.

 

Trasferirsi

 

Per chi invece decidesse di trasferirsi, reputiamo ancor più valido il consiglio del punto precedente.

Infatti la burocrazia non manca neanche in un oasi così felice per gli investitori come questa: iscriversi all’AIRE (Anagrafe italiani residenti all’estero), ottenere la residenza N.I.E./N.I.F., aprire un conto corrente bancario; procedure tutto sommato ordinarie ma che non è mai un male affrontare con degli esperti del settore.