Restaurare e Vendere mobili antichi: un business davvero profittevole

vetrinetta arte povera

Negli ultimi anni, la restaurazione e la vendita di mobili antichi hanno assunto sempre più una grande importanza e rilevanza a livello internazionale, tanto da essere diventato pedissequamente un vero e proprio business fruttuoso e ragguardevole.

 

Quali sono i mobili antichi più ricercati e più venduti sul mercato?

 

Quali fattori bisogna considerare prima di venderli e di farli eventualmente restaurare?

In generale, i mobili antichi sono molto apprezzati ed amati dagli appassionati e collezionisti di antiquariato e di arredamento, tanto da essere in grado di sborsare cifre per fino esorbitanti e generose per riuscire ad accaparrarsi gli oggetti, che per loro sono i più stimati ed i più graditi dell’intero lotto.

Infatti, più i mobili antichi risulteranno ben conservati ed in ottimo stato e più questi acquisteranno valore, specialmente con il passare del tempo, in quanto sono considerati dei veri e propri evergreen e dei beni materiali sempre utili, caratteristici ed intramontabili, rendendoli facilmente vendibili.

Tuttavia, è bene ricordare che il mercato dell’antiquariato è sempre aleatorio e soggetto a tendenze differenti, dove il valore degli oggetti antichi è in costante fluttuazione e cambiamento.

Per tale motivo è necessario capire e stimare adeguatamente il valore del proprio mobile antico per il mercato vigente ed attuale, considerando alcuni fattori importanti e fondamentali prima di poterlo effettivamente vendere.

Innanzitutto, al fine di farsi stimare e calcolare il più corretto ed equo valore del proprio mobile antico, bisogna sempre e comunque farsi consigliare e consultare dalla valutazione e dall’opinione di un professionista in materia, che saprà certamente valutare tutti le qualità fondamentali di un mobile antico ben conservato e vendibile, indicandone eventualmente un’adeguata restaurazione laddove ci dovessero essere riscontrate delle nette e notabili imperfezioni.

Quindi, per comprendere se è un mobile antico è redditizio, bisogna valutare alcuni fattori ed alcune caratteristiche fondamentali, iniziando dall’esecuzione di un completo ed accurato sguardo d’insieme del mobile in questione, così da esaminare diligentemente la propria forma esteriore ed alcune sue componenti per certi versi storiche ed importanti ai fini della corretta valutazione, come la tipologia e la caratterizzazione dei suoi piedi e delle sue sagome, che vanno molto spesso ad indicare e simboleggiare non solo la sua storia, ma anche il determinato periodo storico in cui è stato realizzato.

Altri elementi importanti per l’adempimento della giusta valutazione sono indicati certamente dalla condizione della patina esterna del mobile, in quanto la sua lucidatura originale conferisce all’oggetto un valore aggiuntivo non indifferente, dalla tipologia del legno impiegato durante la sua costruzione, in cui il genere lastronato rappresenta fra tutti quello più ricercato, venduto e dispendioso, dall’applicazione e dalle tipologie delle parti metalliche che lo costituiscono, i quali devono essere necessariamente originali e congrue al determinato stile del mobile per conferirgli un pregevole valore.

Inoltre, per effettuare una completa ed ottimale valutazione e stima del proprio mobile antico, è sicuramente utile osservare ed esaminare accuratamente le sue varie componenti, quali cassetti, fondo e schiena, in modo tale da poter notare se è presente in esso una totale uniformità o se, al contrario, sono state effettuate delle sostituzioni, che vanno inevitabilmente a gravare sul suo valore.

Talvolta, l’esecuzione di un buon restauro da parte di un professionista può aumentare considerevolmente il valore del proprio mobile antico, purché si rispettino appieno la sua storicità e la sua peculiarità.

Infine, tra i mobili ed oggetti antichi più richiesti e venduti, si possono trovare comò, armadi, cassettiere, quadri, credenze, specchiere, librerie, lampadari, vetrine e tavoli, che possono avere un inestimabile ed ingente valore storico e lucrativo.

 

Dove si possono vendere i propri mobili antichi?

 

Una volta valutata adeguatamente le stime ed i valori dei propri mobili antichi, rimane soltanto di venderli su aste online o a prezzo definito in appositi negozi d’antiquariato, nei mercatini dell’usato o anche in vari e celebri store online, quali Ebay, Subito, Kijiji e Shpock, scegliendo se includere nel prezzo anche i costi di spedizione oppure se impostare il ritiro fisico in zona come unico metodo di acquisto e di ricevimento merce.